28 Marzo 2018

Honda Special: il potere dei sogni

Special | Honda

Il concetto è tanto semplice quanto efficace: fornire ai customizer più interessanti sparsi nei quattro angoli del mondo i propri modelli e invitarli a sperimentare e a proporre special uniche. L’ha fatto Yamaha, ha seguito a ruota BMW e ora anche Honda si converte a questo tipo di programma pubblicitario e ispiratore, ma con una differenza sostanziale: rispetto altri costruttori, infatti, il colosso nipponico, oltre a utilizzare la formula classica del contest con budget e tempo limitati, consente l’accesso a consulenze di alto livello garantendo a se stessa e ai preparatori idee innovative e tecniche variegate per dare vita a special uniche.
Lo chiamano Dream Ride Project Honda ed è un guanto di sfida lanciato a tutto il mondo ai customizer perché oltre alle ovvietà del caso, il progetto fa leva anche sull’aspetto storico del costruttore giapponese e più in generale sulla sicurezza e sulla sportività delle special, create dal preparatore di turno coadiuvato da un mentore scelto tra professionisti del settore.
Un team Work riceve la base, una Honda CBR 250 RR, e in tre mesi, senza sforare il budget preventivato, lavorano per dare vita alla loro Honda speciale.
Tra le varie protagoniste del progetto colpisce la creazione di Yuwono Jati di Lunatic Custom Motorcycles che con uno stile neo retrò ha dato vita a una piccola special che non sfigurerebbe sia in una concessionaria ufficiale Honda (magari accanto alla RCV213V-S) che sulla griglia di partenza di un monomarca dedicatole. Traendo ispirazione dalle moderne cafè racer, Yuwono ha creato qualcosa di diverso rispetto a quanto visto fino a oggi nel panorama delle special, miscelando il vecchio stile Honda con le moderne tecnologie industriali, lavorando a stretto contatto con il team di ricerca e sviluppo Honda Motorcycle in Giappone e con Honda Indonesia per garantire che le modifiche fossero sicure e che non inficiassero il piacere di guida. La “carrozzeria” è stata costruita utilizzando una piastra in acciaio zincato da 1,2mm, mentre le coperture di carenatura e serbatoio sono in alluminio lucidato. Il proiettore Daymaker e gli pneumatici Firestone dimostrano come Yuwono abbia mescolato componenti moderni con il suo design classico per migliorare la sicurezza. Proseguendo su questa strada di modernità e classicità il team di Lunatic Custom Motorcycles ha progettato e fabbricato un forcellone tubolare in acciaio inox che riprende lo stile del telaio e sostituito i cerchi in ghisa da 17 pollici con altri in alluminio a raggi da 18 e con mozzi provenienti da una CBX550F che imitano i freni a tamburo, ma che al loro interno celano unità a disco ben più moderne e performanti. Altri particolari degni di essere citati sono la coda completamente rifatta che ingloba un fanale posteriore personalizzato e una sella rossa in cuoio con cuciture a diamante, oltre all’impianto di scarico completamente rifatto e nascosto che sfoga i gas dalle feritoie laterali, gli specchietti end bar, i fregi in alluminio sparsi un po’ ovunque (anche davanti al radiatore) e la verniciatura classicheggiante bianca e rossa. Alla fine della costruzione la piccola bicilindrica ha percorso in soli due giorni ben 500 chilometri per testarne la funzionalità e… il livello di divertimento!

Articoli Simili

CADUTE IN SUPERBIKE

HONDA CB 450 “RUSTY QUATTROEMEZZO” by ANVIL MOTOCICLETTE: MOTO DA GIUNGLA URBANA

Dakar: Neveu VS Auriol

Keanu e la Honda

La Honda RC213V-S

Acrobazie in moto