12 Lugio 2018

Ducati e il GP di Germania

MotoGP

Due settimane dopo il Dutch TT di Assen, il Ducati Team si è ora trasferito in Germania per affrontare il nono appuntamento del Mondiale MotoGP, in programma questo weekend sul circuito del Sachsenring, vicino alla città di Chemnitz. Il Sachsenring è uno dei circuiti più corti e lenti del calendario, ma è comunque una pista piuttosto impegnativa. Una delle caratteristiche peculiari del tracciato tedesco è il senso di marcia anti-orario, oltre alla presenza di alcune curve davvero particolari quasi tutte a sinistra, accompagnate da vari saliscendi. Dovizioso è riuscito a centrare due volte il podio in MotoGP al Sachsenring: nel 2012 e nel 2016, quando si è classificato al terzo posto. Lo scorso anno il pilota italiano ha compiuto una bella rimonta fino a risalire in quarta posizione ma ha poi chiuso la gara all’ottavo posto. Per Jorge Lorenzo la gara tedesca rimane invece una delle poche che non è ancora riuscito a vincere, ma il pilota spagnolo ha tuttavia collezionato ben quattro secondi posti fra il 2009 ed il 2012, mentre lo scorso anno ha terminato la gara all’undicesimo posto dopo una partenza in seconda fila.
Andrea Dovizioso (Ducati Team 04) – 5° (79 punti)
“Il Sachsenring è una pista che in passato ci ha creato qualche difficoltà e, come è già successo in Olanda, anche questa volta dovremo valutare il comportamento delle gomme. Quest’anno credo che saremo più veloci rispetto al 2017, come abbiamo dimostrato anche ad Assen dove ci aspettavamo di essere competitivi e ci siamo riusciti, ma sono le gomme posteriori a fare la differenza e dovremo aspettare le prime prove per capire meglio la situazione. Il Sachsenring non è uno dei miei circuiti preferiti e non ho un grande feeling con la pista, ma cercherò in ogni caso di ottenere il miglior risultato possibile.”
Jorge Lorenzo (Ducati Team 99) – 7° (75 punti)
"Siamo arrivati a metà stagione con un bilancio piuttosto positivo: siamo cresciuti con il passare dei mesi, lavorando bene, e penso che ora abbiamo un pacchetto tecnico che ci consentirà di essere competitivi su tutti i circuiti. Ad Assen per esempio, dove negli ultimi anni non avevo ottenuto dei buoni risultati, siamo rimasti al comando della gara per molti giri e siamo arrivati vicino al podio. Credo che anche al Sachsenring la situazione sarà simile: è un circuito in cui teoricamente potremmo soffrire ma dove cercheremo di ottenere comunque il massimo con tutte le nostre forze. Sarà fondamentale trovare un buon set-up già da venerdì per cominciare bene il weekend tedesco."
Il Circuito del Sachsenring
Il Sachsenring è un circuito di grande tradizione sportiva: le corse nelle strade vicino alla città di Chemnitz iniziarono nel 1920 e si sono susseguite fino al 1990. Nel 1996 si decise di costruire un circuito permanente a una decina di chilometri dalla città tedesca, che ospitò il suo primo Gran Premio nel 1998. Da allora sono state eseguite continue migliorie all’impianto, tra cui un radicale cambiamento nel layout del tracciato effettuato nel 2001. Le sue curve, numerose e strette, rendono questo circuito uno dei più lenti del calendario, ma queste stesse caratteristiche fanno sì che le gare al Sachsenring siano sempre molto combattute.


Articoli Simili

Ducati al Sachsenring

Kevin Schwantz nei box Suzuki al Sachsenting

Emozioni rosse ad Assen

Dovizioso e Lorenzo in Olanda

Aprilia nel GP di Catalunya